MIM
Le carte della scuola

PTOF

Visite: 6637

Art. 5 – Modalità e casi: svolgimento delle attività sincrone

1. Nel caso in cui le misure di prevenzione e di contenimento della diffusione del SARS-CoV-2 e della malattia COVID-19, indicate dal Dipartimento di prevenzione territoriale, prevedano l‟allontanamento dalle lezioni in presenza di una o più classi viene attivata, per le classi individuate e per tutta la durata degli effetti del provvedimento, la didattica a distanza in modalità sincrona e asincrona.

Tali attività saranno realizzate dai docenti del Consiglio di classe, adottando gli strumenti e i metodi approvati dal Collegio dei docenti del giorno 3 aprile 2020. Tali metodi e strumenti fanno a tutti gli effetti parte integrante del presente documento.

Nel caso di attività sincrone, secondo l‟orario previsto, gli insegnanti in servizio creano l‟evento ed invitano all‟evento i ragazzi della classe mediante invio di mail istituzionale contenente il necessario link.

I genitori si impegnano a garantire un ambiente domestico privo di rischi e di pericoli per i propri figli e a rispettare la privacy.

A tal fine, dopo aver informato la scuola, i genitori inviano alla scuola specifica dichiarazione circa

l‟idoneità dell‟ambiente domestico.

  • La consulenza tecnica è fornita dall‟Animatore digitale, dal Team digitale e dall‟Assistente tecnico dell‟Istituto.
  • Nel caso in cui le misure di prevenzione e di contenimento della diffusione del SARS-CoV-2 e della malattia COVID-19 riguardino singole studentesse, singoli studenti o piccoli gruppi per periodi superiori ai 6 giorni di lezione, con il coinvolgimento del Consiglio di classe possono essere attivati dei percorsi didattici digitali integrativi al fine di garantire il diritto allo In tal caso le attività sincrone hanno luogo durante l‟orario curricolare, secondo le modalità più sopra previste.
  • Al fine di garantire il diritto allo studio delle studentesse e degli studenti considerati in condizioni di fragilità nei confronti del SARS-CoV-2, ovvero esposti a un rischio potenzialmente maggiore nei confronti dell‟infezione da COVID-19, con il coinvolgimento del Consiglio di classe nonché, eventualmente, di altri insegnanti sulla base delle disponibilità nell‟organico dell‟autonomia, sono attivati dei percorsi didattici a distanza, in modalità asincrona e nel rispetto degli obiettivi di apprendimento stabiliti nel Curricolo d‟Istituto.

A tal fine vengono utilizzate la funzione “Agenda” del Registro elettronico e la Repository di Google

classroom.

  • Nel caso in cui, all‟interno di una o più classi il numero di studentesse e studenti interessati dalle misure di prevenzione e contenimento dell‟epidemia in atto fosse tale da non poter garantire il servizio per motivi organizzativi e/o per mancanza di risorse, con apposita determina del Dirigente scolastico le attività didattiche si svolgono a distanza per tutte le studentesse e gli studenti delle classi interessate, in coerenza con le delibere del Consiglio di classe, tenuto conto degli strumenti e i metodi approvati dal Collegio dei docenti del giorno 3 aprile
  • In ogni caso la Scuola si riserva di adottare gli strumenti e i metodi previsti per la Didattica a Distanza deliberati dal Collegio docenti del giorno 3 aprile 2020, nel caso in cui i singoli Consigli di classe lo ritengano opportuno in relazione alle situazioni, connesse alla diffusione del Sars-Cov-2 e della malattia COVID-19, che in concreto si verificheranno nel corso dell‟a.s.

In tutti questi casi, quando si delibera di procedere a video-lezioni, gli insegnanti creano l‟evento ed

invitano i ragazzi interessati mediante mail istituzionale contenente il necessario link.

I genitori si impegnano a garantire un ambiente domestico privo di rischi e di pericoli per i propri figli e a rispettare la privacy.

  • Nel caso di video-lezioni rivolte all'intero gruppo classe e/o programmate nell‟ambito dell‟orario settimanale, l‟insegnante avvierà direttamente la video-lezione utilizzando Google Meet all‟interno di Google Classroom oppure programmando l‟attività su Calendar e riportando gli appuntamenti sull‟agenda del registro elettronico, in modo da rendere più semplice e veloce l‟accesso al meeting delle studentesse e degli
  • Nel caso le video-lezioni riguardino l„intero gruppo classe, all‟inizio del meeting l‟insegnante rileva presenti e In tal caso, l‟assenza alle video lezioni programmate deve essere giustificata come le assenze dalle lezioni in presenza.
  • Quando si prevede, secondo le disposizioni dei punti 3 e 5 del presente articolo, la partecipazione all‟evento solo di alcuni studenti, si registrerà l‟attività nel modo seguente: “attività di DDI per chi ne ha fatto richiesta”.
  • Nel caso un alunno o un piccolo gruppo di 5 o 6 alunni segua la lezione svolta in classe da casa, il docente dell‟ora in questione riporterà la presenza alla lezione sul registro di classe utilizzando la dicitura PD (presente a distanza) per gli alunni in
  • Durante lo svolgimento delle video-lezioni alle studentesse e agli studenti è richiesto il rispetto delle seguenti regole:
    • Accedere al meeting con puntualità, secondo quanto stabilito dall‟orario settimanale delle video- lezioni o dall‟insegnante. Il link di accesso al meeting è strettamente riservato, pertanto è fatto divieto a ciascuno di condividerlo con soggetti esterni alla classe o all‟Istituto;
    • Accedere al meeting sempre con microfono L‟eventuale attivazione del microfono è richiesta dall‟insegnante o consentita dall‟insegnante su richiesta della studentessa o dello studente.
    • In caso di ingresso in ritardo, non interrompere l‟attività in I saluti iniziali possono essere scambiati velocemente sulla chat;
    • Partecipare ordinatamente al Le richieste di parola sono rivolte all‟insegnante sulla chat;
    • Partecipare al meeting con la videocamera attivata che inquadra la studentessa o lo studente stesso in primo piano, in un ambiente adatto all‟apprendimento e possibilmente privo di rumori di fondo, con un abbigliamento adeguato e provvisti del materiale necessario per lo svolgimento dell‟attività;
  • Nel caso le video-lezioni riguardino l'intero gruppo classe, la partecipazione al meeting con la videocamera disattivata da parte di uno studente/studentessa è consentita solo in casi particolari e su richiesta motivata della studentessa o dello studente all'insegnante prima dell'inizio della lezione. In caso di mancata autorizzazione del docente, l'alunno/a non può disattivare la videocamera; se, nonostante il divieto, l'alunno/a disattiva la videocamera, dopo un primo richiamo, l'insegnante informa i genitori. In caso di successivi analoghi comportamenti dell'alunno/a, l'insegnante attribuisce una nota disciplinare al responsabile. Dopo la nota, in caso di ulteriori analoghi comportamenti, il docente considera assente l'alunno/a. Tale assenza dovrà essere giustificata.
  • Nel caso, invece, la video-lezione riguardi solo uno o pochi alunni e si registri comunque la disattivazione della videocamera senza autorizzazione, il docente informa i genitori e, in caso di reiterazione, non attiva la DDI nei giorni successivi, informandone i genitori.
Torna su