MIM
Le carte della scuola

PTOF

Visite: 20878

PIANO DI MIGLIORAMENTO

Anno scolastico 2019/2020

 

 

Istituto: LICEO G. FRACASTORO

Indirizzo

Via G.B. Moschini 11/A – 37129 Verona

Codice meccanografico

VRPS03000R

Numero di telefono

0458348772

Indirizzo e-mail

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sito internet

www.liceofracastoro.edu.it

 

 

Dirigente scolastico Luigi Franco

 


Lista Componenti Nucleo interno di Valutazione

Anno Rif

Nome

Cognome

Dirigente

Email

2019-2020

Luigi

Franco

S

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sandra

Franzogna

N

 

 

Monica

Temporin

N

 

 

Daniela

Sinigaglia

N

 

 

Fabrizio

Giugni

N

 

 

PRIMA SEZIONE

SCENARIO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI DEL PdM

 

I RISULTATI DELL’AUTOVALUTAZIONE a.s. 2018/2019

 

DAL RAV

 

Priorità

Traguardi

1.       Risultati nelle prove standardizzate

Progettare e realizzare corsi sul metodo di studio indirizzato agli alunni del primo biennio finalizzati all'acquisizione delle competenze e di motivazione necessarie ad affrontare il percorso liceale.

 

1.       Risultati nelle prove standardizzate

Miglioramento dell'effetto scuola, riportando il valore a livello regionale nel triennio.

Riduzione del numero di studenti delle classi seconde con livello di apprendimento 1 e 2 nelle prove INVALSI, in particolare in italiano.

2.       Competenze chiave Europee

 

Pervenire alla stesura definitiva del Curriculo Verticale per competenze del primo Biennio, del secondo Biennio e del Quinto anno; revisionare, per il necessario adeguamento, i documenti ad esso correlati.

Elaborare nuove Griglie di valutazione strutturate per competenze.

2.       Competenze chiave Europee

 

Nell’a.s. 2019/2020 pubblicazione del Curriculo Verticale di Istituto e dei documenti ad esso correlati.

Nell'a.s. 2020-2021 utilizzazione ed applicazione dei documenti prodotti da parte di almeno il 90% dei docenti dell'Istituto;

Nell'a.s. 2021-2022 perfezionamento delle griglie di valutazione per competenze.

 

 

 

OBIETTIVI DI PROCESSO-PRIORITÀ 1

 

Risultati nelle prove standardizzate

 

Dal mese di ottobre a dicembre la scuola organizza e realizza 3 corsi sul metodo di studio (uno per le classi prime del liceo linguistico e delle scienze umane, 1 per il liceo scientifico e delle scienze applicate, uno per le classi seconde) della durata max di 20 h (5 settimane), aperto a tutti gli studenti del primo biennio che, su indicazione dei singoli CdC e/o su richiesta delle famiglie stesse, necessitano di recuperare competenze e/o abilità, in particolare in italiano, e nella gestione del tempo studio; il DS nomina i docenti competenti che lo svolgeranno. A dicembre, i docenti dei corsi valutano l’efficacia dell’intervento verificando i risultati conseguiti con prova finale e a gennaio i CdC valutano gli esiti agli scrutini del primo periodo a gennaio e del secondo periodo a giugno. È prevista, se richiesta, un’eventuale nuova proposta della attività a marzo-aprile.

 

OBIETTIVI DI PROCESSO-PRIORITÀ 2

 

Competenze chiave Europee

 

I Dipartimenti organizzano incontri per esaminare, revisionare e condividere il materiale già prodotto negli scorsi aa.ss. sul Curriculo Verticale disciplinare ed elaborano la bozza di revisione. Il CdD approva il Curricolo verticale di Istituto in stesura definitiva e la scuola lo pubblica.

Il DS nomina una Commissione che predispone, in conformità al Curricolo, i documenti ad esso correlati, ivi compresi i primi adattamenti della griglia di valutazione per competenze.

 

LE PRIORITÀ E I TRAGUARDI – LE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA

 

LE PRIORITÀ E I TRAGUARDI INDIVIDUATI DALLA SCUOLA PER IL TRIENNIO

AREA DEGLI ESITI

Indicatori

Descrittori

Descrizione delle priorità

 

Descrizione del traguardo

1.     Risultati nelle prove standardizzate nazionali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progettare, proporre e realizzare corsi sul metodo di studio per gli studenti del primo biennio.

 

 

 

Progettazione e realizzazione di 3 corsi sul metodo di studio indirizzato a tutti alunni del primo biennio, su indicazione dei singoli CdC e/o delle famiglie, finalizzato all'acquisizione delle competenze di base necessarie ad affrontare il percorso liceale.

 

Portare progressivamente l’effetto scuola al livello regionale migliorando gli esiti e il livello di competenza per ridurre le diseguaglianze di partenza, offrendo a tutti gli studenti pari opportunità.

 

 

 

 

 

Miglioramento degli esiti scolastici e delle prove INVALSI nelle classi seconde portando al livello di sufficienza il 50% degli alunni frequentanti il corso e diminuire il numero di studenti con livello di apprendimento 1 e 2 nelle classi seconde, in particolare per italiano, portando il valore prossimo allo 0%.

Miglioramento dell'effetto scuola, riportando il valore a livello regionale.

 

2.    Competenze chiave europee

 

 

 

 

 

 

 

 

Rivedere, integrare, definire e approvare il curricolo verticale del Liceo di primo Biennio, di secondo Biennio e dell’ultimo anno.

Revisionare i documenti esistenti e elaborarne di nuovi adeguati al Curricolo

Proporre una bozza di griglia di valutazione strutturata per competenze.

 

 

I Dipartimenti disciplinari organizzano incontri per fare una analisi critica della documentazione esistente producendo la bozza di curricolo verticale disciplinare.

Su questa base, viene elaborato e approvato il curricolo verticale del Liceo da parte del CdD.

Successivamente, una commissione revisiona e adegua al Curricolo le schede: del piano annuale individuale, della relazione finale, della progettazione educativa dei consigli di classe, del documento del 15 maggio per le classi V. Lavora sui primi adattamenti delle Griglie di valutazione per

competenze.

 

Mettere in atto misure organizzative per l’adozione da parte dei CdC del curricolo di Istituto organizzato per competenze e dei relativi documenti, elaborati in conformità alla normativa sulle competenze europee:

-    Raccomandazione Parlamento europeo del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente;

-    D.M. 139/2007;

-    D.P.R. n. 89/2010;

-    Nuova Raccomandazione del Parlamento europeo 22 maggio 2018.

Proporre una prima bozza di una griglia di valutazione redatta per competenze chiave di cittadinanza.

Nell’a.s. 2019/2020 stesura definitiva del Curricolo Verticale di Istituto organizzato per competenze e dei relativi documenti

Nell’a.s. 2020-2021 utilizzazione ed applicazione dei documenti prodotti da parte di almeno l’90% da

parte dei docenti dell’Istituto. Nell’a.s. 2021-2022 perfezionamento delle griglie di valutazione strutturate per competenze chiave di cittadinanza.

 

 

 

 

PERCORSO DI ANALISI svolto dalla scuola e le motivazioni alla base della scelta delle priorità:

 

 

  • Risultati nelle prove standardizzate nazionali

1.  Si registrano criticità nei risultati INVALSI di matematica e italiano in alcune classi seconde, in particolare se confrontati con quelle della regione di riferimento (sempre positivo invece il confronto con il dato italiano), traguardando gli esiti anche con le mediamente buone potenzialità degli studenti in ingresso.

2.  Si registra, nel complesso, la necessità di un intervento per migliorare i risultati scolastici e delle prove standardizzate di matematica e, soprattutto, di italiano.

Sulla base del presupposto che:

per affrontare le prove INVALSI sono essenziali e costituiscono prerequisito indispensabile la comprensione, il corretto utilizzo della lingua italiana ed un metodo di studio che consenta agli alunni di operare in autonomia,

si ritiene che sia una priorità al tempo stesso sfidante e raggiungibile:

Progettare e realizzare corsi sul metodo di studio indirizzato agli alunni del primo biennio finalizzati all'acquisizione delle competenze e di motivazione necessarie ad affrontare il percorso liceale al fine di ottenere il Miglioramento dell'effetto scuola, riportando il valore a livello regionale nel triennio e la riduzione del numero di studenti delle classi seconde con livello di apprendimento 1 e 2 nelle prove INVALSI, in particolare in italiano.

 

I destinatari dell’intervento di miglioramento:

  • gli alunni del primo biennio dell’Istituto.

 

  • Competenze chiave europee
  • Il Liceo, nonostante negli scorsi aa.ss il CdD abbia lavorato e prodotto ampia documentazione, non possiede ancora un documento definitivo, unitario, pubblicato e condiviso del CURRICOLO VERTICALE per competenze e un sistema di valutazione riferito anche alle competenze chiave di cittadinanza.

Sulla base del presupposto che:

  • se promuovere la cittadinanza attiva è diventato uno degli obiettivi principali dei sistemi educativi in tutta Europa, come indicato nel Quadro strategico per la cooperazione europea nell’istruzione e nella formazione (ET2020), l’adozione di un curricolo verticale per competenza pare centrale al fine di potenziare comportamenti autonomi e responsabili degli studenti e possa incidere positivamente anche sull’area dei risultati e sulla attività didattica in generale atta a far acquisire «[…] conoscenze, abilità e competenze coerenti con le capacità e le scelte personali e adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro…» (art. 2 comma 2 del Regolamento dell’Istruzione liceale);
  • è strategico proporsi e collaborare con le Scuole del territorio, sarà possibile confrontarsi sui Curricoli per competenze con le scuole secondarie di I° grado, per condividere e valutare insieme le competenze richieste in ingresso nella nostra scuola.

Si ritiene pertanto, opportuno e realistico porre la seguente priorità:

Pervenire alla stesura definitiva del Curriculo Verticale per competenze e revisionare, per l’adeguamento al Curricolo, i documenti ad esso correlati ed elaborare nuove Griglie di valutazione strutturate per competenze.

I destinatari dell’intervento di miglioramento:

  • tutta la comunità scolastica e gli stakeholders

 

 

 

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO E FATTIBILITÀ

 

Per il raggiungimento della priorità n. 1

Obiettivi

Impatto (0-5)

Fattibilità (0-5)

Livello di Priorità

Erogazione dei corsi metodologici

5

5

25 – alto

Valutazione degli esiti nel breve e nel medio periodo

5

5

25

Per il raggiungimento della priorità n. 2

Obiettivi

Impatto (0-5)

Fattibilità (0-5)

Livello di Priorità

Pubblicazione del Curricolo Verticale

5

5

25 – alto

Revisione e adattamento dei documenti correlati

4

5

20

Revisione delle griglie di valutazione

5

5

25

 

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO – LE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA 

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE LA SCUOLA SI PREFIGGE DI RAGGIUNGERE nell’a.s. corrente

PRIORITÀ 1

TRAGUARDI

AREA DI PROCESSO

Descrizione degli obiettivi di processo correlati a ciascuna priorità e congruenti con i traguardi

Progettare e realizzare corsi sul metodo di studio indirizzato agli alunni del primo biennio finalizzati all'acquisizione di motivazione e competenze necessarie ad affrontare il percorso liceale.

Miglioramento dell'effetto scuola, riportando il valore a livello regionale nel triennio.

Riduzione del numero di studenti delle classi seconde con livello di apprendimento 1 e 2 nelle prove INVALSI, in particolare in italiano.

Ambiente di apprendimento

-     Ottobre: organizzazione dei corsi sul metodo di studio per gli studenti del primo biennio;

-     ottobre: individuazione alunni che necessitano intervento;

-     novembre: realizzazione dei corsi di max 20 h (5 settimane) con verifica degli esiti;

-     verifica dei risultati negli scrutini del primo periodo; eventuale replica dei corsi a marzo aprile; verifica risultati negli scrutini finali.

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE LA SCUOLA SI PREFIGGE DI RAGGIUNGERE nell’a.s 2020/2021

 

 

 

 

Riproposta dei corsi con le medesime modalità operative, sentito il parere dei docenti tutor e del CdD

 

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE LA SCUOLA SI PREFIGGE DI RAGGIUNGERE nell’a.s 2021/2022

 

 

 

Eventuale riproposta dei corsi con le medesime modalità operative, sentito il parere dei docenti tutor e del CdD

 

 

 

 

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE LA SCUOLA SI PREFIGGE DI RAGGIUNGERE nell’a.s. corrente.

PRIORITÀ 2

TRAGUARDI

AREA DI PROCESSO

Descrizione degli obiettivi di processo correlati a ciascuna priorità e congruenti con i traguardi

Pervenire alla stesura definitiva del Curriculo Verticale per competenze di primo Biennio, di secondo Biennio e dell’ultimo anno e revisionare, per il necessario adeguamento, i documenti ad esso correlati anche in vista della elaborazione delle nuove Griglie di valutazione strutturate per competenze.

 

Pubblicazione del Curriculo Verticale di Istituto e dei documenti ad esso correlati.

 

Curricolo, progettazione e valutazione

-     Condivisione del materiale già prodotto;

-     Verifica, integrazione, correzione materiale già prodotto da parte dei Dipartimenti disciplinari;

-     Presentazione al Collegio ed approvazione da parte del Collegio dei curricoli;

-     Adozione ed utilizzo dei curricoli

 

 

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE LA SCUOLA SI PREFIGGE DI RAGGIUNGERE nell’a.s 2020/2021

 

Utilizzazione, applicazione e validazione dei documenti prodotti da parte di almeno il 90% dei docenti dell'Istituto.

 

 

-      Inserimento sul sito web della scuola dei documenti

-      Utilizzo dei nuovi documenti: la scheda del piano annuale individuale, della relazione finale, della progettazione educativa dei consigli di classe, del documento del 15 maggio per le classi V.

-      Il CdD valida a fine anno i documenti

GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE LA SCUOLA SI PREFIGGE DI RAGGIUNGERE nell’a.s 2021/2022

 

Perfezionamento delle griglie di valutazione per competenze.

 

-     Esame critico delle griglie di valutazione in essere

-     Prima stesura di griglie di valutazione per competenze

-     Condivisione della bozza con i Dipartimenti, CdC e CdD

 

 

 

Individuazione delle possibili CAUSE DI CRITICITÀ E GLI OBIETTIVI DI PROCESSO CHE POSSONO CONTRIBUIRE AL LORO SUPERAMENTO.

 

PRIORITÀ 1:

Possibili cause delle criticità:

-      Non adeguata risposta alla proposta didattica da parte degli alunni e delle famiglie.

-      Non costanza della frequenza degli alunni coinvolti.

-      Per alcuni alunni i tempi di apprendimento potrebbero risultare più lunghi di quanto previsto e non ottenere nel breve periodo il miglioramento degli esiti.

Obiettivi di processo che possono contribuire alla realizzazione della priorità 1:

Area di processo

Descrizione dell’obiettivo di processo

Ambiente di apprendimento

 

a)     affinamento del metodo di studio, che costituisce la premessa indispensabile ad un atteggiamento corretto, autonomo, riflessivo e responsabile;

b)    consentire agli alunni di recuperare eventuali carenze facendo forza sull’acquisizione di un efficace metodo di studio;

c)     imparare ad operare in autonomia e con responsabilità

d)    percezione della scuola come ambiente aperto, nel quale gli studenti possono trovare spazi e tempi adeguati alle loro esigenze formative

 

Inclusione e differenziazione

 

Punti a), b) e d) per adeguare i processi di insegnamento ai bisogni formativi di ciascun allievo.

 

Continuità e orientamento

 

Punto c) per portare gli alunni a una maggiore consapevolezza del percorso di studi che stanno frequentando e ad un eventuale riorientamento della scelta.

 

 

 

 

PRIORITÀ 2

Possibili cause delle criticità:

-      Non completa applicazione del Curricolo da parte dei docenti.

-      Non uso dei nuovi documenti ad esso correlati da parte di un numero di docenti superiore al 10%.

Obiettivi di processo che possono contribuire alla realizzazione della priorità 2:

Area di processo

Descrizione dell’obiettivo di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

 

 

-      Condivisione del materiale già prodotto;

-      Verifica, integrazione, correzione materiale già prodotto da parte dei Dipartimenti disciplinari;

-      Presentazione al Collegio ed approvazione da parte del Collegio dei curricoli;

-      Adozione ed utilizzo dei curricoli

 

Continuità e orientamento

 

Intraprendere contatti con le scuole secondarie di primo grado del territorio per raccordare la continuità educativa nel passaggio alla secondaria di secondo grado

 

 

 

SECONDA SEZIONE

GLI INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO

 

 

OBIETTIVO DI PROCESSO – PRIORITÀ 1

 

AREA DEGLI ESITI

PRIORITÀ

TRAGUARDO

Risultati nelle prove standardizzate nazionali

 

Progettare e realizzare corsi sul metodo di studio indirizzato agli alunni del primo biennio finalizzati all'acquisizione delle competenze e di motivazione necessarie ad affrontare il percorso liceale.

Miglioramento dell’effetto scuola, riportandolo al

livello regionale.

AREA DI PROCESSO

OBIETTIVO DI PROCESSO CONNESSO CON LA PRIORITÀ

Ambienti di apprendimento

-      Organizzazione interventi in tema di metodo di studio per studenti del biennio;

-      Ottobre/novembre: individuazione alunni che necessitano intervento;

-      Ottobre-novembre realizzazione: 20 h (5 settimane);

-      Verifica dei risultati del primo periodo; eventuale replica a marzo aprile; verifica dei risultati finali.

RISULTATI ATTESI

INDICATORI

TARGET

Miglioramento degli esiti scolastici e nelle prove standardizzate nazionali con diminuzione del n° di studenti con livello di apprendimento 1 e 2 degli studenti che hanno frequentato i corsi metodologici

-      N° di studenti iscritti alle attività proposte

-      % di frequenza ai corsi

-      Esiti finali del corso

-      Esiti negli scrutini in rapporto ai livelli di partenza

-      Esiti nelle prove standardizzate per le classi seconde aa.ss 19/20 e 20/21 con valutazione del n° di studenti nei livelli di apprendimento 1 e 2

Partecipazione ai corsi sul metodo di studio degli alunni delle classi prime e seconde con miglioramento degli esiti

 

 

 

Responsabili dell’obiettivo di processo:

  1. DS
  2. Collaboratrice D.S.
  3. Docenti impegnati nel corso
  4. Coordinatori delle classi frequentate dagli alunni
  5. Personale segreteria area didattica

 

Data prevista di avvio: 1 ottobre 2019

Data prevista di conclusione: 30 giugno 2020

 

PROJECT MANAGEMENT – PRIORITÀ 1

Azioni

Responsabile

Risultati attesi alla fine di ogni azione

Indicatori

Target atteso

Modalità di monitoraggio

Identificazione docente/i incaricato di progettare e organizzare corso sul metodo di studio

D.S.

Realizzazione corso metodo di studio

Conferimento incarico

Conoscenza da parte da parte degli studenti, delle famiglie e dell’attività prevista e iscrizione al corso

Consigli di classe

Esiti Scrutini

Organizzazione orario ed inizio corso metodo di studio entro il mese di ottobre

- DS: incarico ai docenti tutor entro mese di ottobre;

- Coordinatori di classe: individuazione degli studenti che necessitano dell’intervento;

- Ufficio Didattica: raccolta nomi studenti e quote di partecipazione

 

Realizzazione dei corsi nei mesi di ottobre/novembre e, se ripetuti, marzo/aprile

Indicazioni da parte dei Coordinatori di classe entro il mese di ottobre degli studenti che potrebbero usufruire dei corsi;

n° iscrizioni

Acquisizione di un metodo di studio autonomo

Registri delle attività del corso.

 

Verifica

- D.S.

- Coordinatore consiglio di classe

Miglioramento dei singoli alunni

Valutazioni quadrimestrali e infraquadrimestrali

N° di studenti frequentanti il corso che ottengono risultati migliori rispetto al livello di partenza

Esiti negli scrutini finali

Esiti nelle prove INVALSI a.s. 19/20 per le classi seconde

 

  

 

CRONOPROGRAMMA

 PRIORITA 1

 

Azioni

Responsabile

Data prevista di avvio e

conclusione

Tempificazione azioni

Situazione

Rosso = in grave ritardo

Giallo = in ritardo

Verde = attuata

S

O

N

D

G

F

M

A

M

G

L

A

Identificazione docenti che terranno i corsi sul metodo di studio

Incarico formale ai docenti interni individuati (tutor)

Dirigente scolastico

Avvio 1/10

 

 

 

Conclusione dopo il CdD di ottobre (10/10)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Organizzazione, stesura del calendario e del regolamento dei corsi

Pubblicazione circolari su sito web della scuola (circ. n. 99,100, 101 e 127)

D.S. affiancato dai docenti incaricati

Avvio 10/10

 

 

 

Conclusione 30/10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Raccolta delle iscrizioni degli alunni del primo biennio

Segreteria didattica

Avvio 31/10

 

Conclusione 10/11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avvio e svolgimento dei corsi entro 15 giorni dal conferimento dell’incarico

Docenti incaricati

Avvio 11/11

 

Conclusione 13/12

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prova finale del corso

Docenti incaricati

Avvio 11/10

 

Conclusione 13/12

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esame degli esiti scrutini primo periodo

CdC

DS

Date degli scrutini I° periodo cl. I e II

(gennaio 2010)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Eventuale ripetizione nel secondo periodo dei corsi con le stesse modalità

Ibidem

Avvio 03/20

 

Conclusione 04/20

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esame esiti scrutini del secondo periodo

CdC

DS

Date degli scrutini II° periodo cl. I e II (giugno 2020)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esame dei dati INVALSI classi seconde

Ref FS

DS

Novembre 2020 e 2021

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OBIETTIVO DI PROCESSO PRIORITÀ 2

 

AREA DEGLI ESITI

PRIORITÀ

TRAGUARDO

Curricolo, progettazione e valutazione

Pervenire alla stesura definitiva del Curriculo Verticale per competenze e revisionare, per l’adeguamento al Curricolo, i documenti ad esso correlati ed elaborare nuove Griglie di valutazione strutturate per competenze.

Nell’a.s. 2020-2021 utilizzazione ed applicazione

dei documenti prodotti da parte di almeno l’90% da

parte dei docenti dell’Istituto. Nell’a.s. 2021-2022

perfezionamento griglie di valutazione

AREA DI PROCESSO

OBIETTIVO DI PROCESSO CONNESSO CON LA PRIORITÀ 2

Curricolo, progettazione e valutazione

Costruzione curricolo verticale mediante lavoro nei dipartimenti e nel Collegio dei docenti

RISULTATI ATTESI

INDICATORI

TARGET

Condivisione e maggiore coerenza nelle pratiche didattiche, in relazione alle Indicazioni Nazionali, da parte dei docenti per mezzo dell’adozione del curricolo verticale

- N° di incontri e verbali di Dipartimenti e CdD

- Approvazione formale nei Dipartimenti e in CdD

- Rispetto dei tempi per la pubblicazione entro giugno 2020 dei documenti prodotti

- Visura dei verbali dei Dipartimenti e dei CdC per constatare l’utilizzo

Nell’a.s. 2020-2021 utilizzazione ed applicazione

dei documenti prodotti da parte di almeno l’90% da parte dei docenti dell’Istituto. Nell’a.s. 2021-2022

perfezionamento griglie di valutazione

 

Responsabile dell’obiettivo di processo:

  1. DS,
  2. Collaboratori del D.S.
  3. Coordinatori di Dipartimento

  

Data prevista di avvio:1 ottobre 2019

Data prevista di conclusione: 30 giugno 2020

 

PROJECT MANAGEMENT - PRIORITÀ 2

Azioni *

 

Responsabile

Risultati attesi alla fine di ogni azione

Indicatori

Target atteso

Modalità di monitoraggio

Indicazioni del D.S. ai Dipartimenti disciplinari

D.S.

Miglior coordinamento e organizzazione delle attività finalizzate alla realizzazione del curricolo verticale

Riunioni di Dipartimento; verbali

Coinvolgimento del Collegio docenti nella costruzione del curricolo verticale

Primo Collegio di fine primo periodo

Raccolta e riordino del materiale già prodotto nell’Istituto

D.S. con ausilio dei collaboratori del D.S.

Ricognizione e condivisione di quanto già prodotto e prima ipotesi di prosecuzione del lavoro

Raccolta del materiale e sua messa a disposizione in repository in: Area Docenti (piattaforma Moodle) del sito dell’Istituto

Consapevolezza da parte di tutti i docenti del lavoro svolto e di quello da svolgere all’interno dei singoli dipartimenti.

Utilizzo del materiale da parte dei singoli dipartimenti

Messa a disposizione dei materiali entro il mese di novembre.

Prima verifica: D.S. e coordinatori di Dipartimento entro la fine del mese di gennaio 2020.

 

Revisione del materiale esistente

Coordinatori di Dipartimento

Discussione sulla validità del materiale già prodotto sul curricolo

Verbali di dipartimento

Conoscenza dell’adeguatezza o dei limiti del materiale esistente

Verbali di dipartimento

Prima proposta dei curricoli da parte dei singoli dipartimenti

Coordinatori di dipartimento

Redazione della prima bozza del curricolo verticale

 

Pubblicazione nell’area riservata docenti della prima bozza del curricolo verticale

Discussione della prima bozza nel Collegio docenti successivo alla riunione Dipartimenti di febbraio 2020

Dibattito in Collegio docenti; osservazioni/critiche/dubbi nei Dipartimenti

 

Adozione curricolo verticale in Collegio docenti

Collegio docenti di maggio o di giugno

Adozione e utilizzo del curricolo verticale da parte del Collegio dei docenti

Pubblicazione sul sito della Scuola in attesa dell’approvazione da parte del Consiglio

Conoscenza del curricolo verticale approvato dal Collegio da parte di tutti gli stakeholders

Indicazioni da parte del Comitato dei genitori e dei membri del C.d.I.

Approvazione del curricolo verticale da parte Consiglio di Istituto

Consiglio di Istituto

Adozione ufficiale del curricolo verticale da parte dell’Istituto

Pubblicazione ufficiale del curricolo verticale

Conoscenza del curricolo verticale da parte di alunni, famiglie, Comitato genitori e stakeholders

Utilizzo del curricolo verticale da parte dei singoli docenti in sede di presentazione del piano di lavoro annuale

 

CRONOPROGRAMMA

PRIORITÀ 2

 

 

Azioni

Responsabile

Data prevista di avvio e

conclusione

Tempificazione azioni

Situazione

Rosso = in grave ritardo

Giallo = in ritardo

Verde = attuata

S

O

N

D

G

F

M

A

M

G

L

A

Trasmissione materiali ai coordinatori di dipartimento

 

D.S. e collaboratori del D.S.

 

Ottobre 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condivisione dei materiali con i docenti di materia

 

Coordinatori di dipartimento

Febbraio 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stesura prima bozza curricolo verticale dei singoli Dipartimenti

Dipartimenti disciplinari, con il Coordinatore.

 

Fine febbraio – inizio marzo 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formulazione definitiva curricoli e revisione

D.S. e Coordinatori di Dipartimento

 

Entro la fine di aprile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approvazione curricoli in Collegio Docenti

 

Collegio Docenti

 

Entro maggio/giugno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TERZA SEZIONE

MONITORAGGIO, VALUTAZIONE IN ITINERE E FINALE

 

PRIORITÀ 1

 

MONITORAGGIO in itinere

VALUTAZIONE IN ITINERE - Criteri per la verifica

-      Riunioni di staff in preparazione delle riunioni collegiali;

-      Riunioni in presenza con i Coordinatori di Dipartimento;

-      Verifica presenze alunni nei corsi sul metodo di studio mediante registro;

-      Verifica nei singoli C.d.C. sulla base della cadenza calendarizzata nel Piano annuale delle attività;

-      Verifica andamento degli alunni in sede di scrutinio:

a.     C.d.C., secondo il Piano annuale delle attività;

b.    Verifica quadrimestrale: scrutini;

c.     Verifica esiti nelle prove standardizzate.

 

1. Numero alunni frequentanti i corsi sul metodo di studio;

2. Numero di ore effettivamente erogate nel primo periodo/nel secondo periodo;

3. Esiti prova di fine corso

4. Progresso nell’acquisizione del metodo di studio: verifica risultati conseguiti:

a.     Ad inizio anno;

b.    Al termine del primo periodo;

c.     Al termine del secondo periodo.

 

MONITORAGGIO FINALE

VALUTAZIONE FINALE - Criteri per la verifica

Riunioni di staff di fine a.s., prima del Collegio di giugno:

1.       i Collaboratori del D.S., alla presenza del D.S., riassumono gli esiti registrati dai coordinatori dei singoli C.d.C.;

2.       in Staff, integrato dagli insegnanti impegnati nel corso, viene tracciata la valutazione finale e vengono individuate le criticità riscontrate;

3.       Il D.S. presenta l’esito della verifica nel Collegio di giugno per la discussione e l’esame dell’intervento ed in vista della programmazione delle attività del successivo a.s.

 

1. Numero alunni impegnati nell’attività;

2. Numero di ore effettivamente erogate nel corso del I° e II° periodo;

3. Comparazione dei livelli iniziali e finali (livello iniziale, esito scrutino primo e secondo quadrimestre);

4. Conseguimento di un miglioramento negli scrutini finali in italiano;

5. Conseguimento di valutazioni sufficienti nelle discipline di studio;

6. Verifica risultati conseguiti:

a)       Ad inizio anno;

b)      Al termine del primo quadrimestre;

c)       Al termine dell’a.s.;

d)      Miglioramento dei risultati INVALSI (se disponibili) in italiano almeno pari o superiori;

Modalità di introduzione di eventuali correttivi nel Piano di miglioramento

Raccolta di pareri e suggerimenti:

  1. nei C.d.C
  2. in C.d.I.
  3. nelle riunioni di Staff;
  4. in Collegio Docenti
  5. dalle famiglie.

PRIORITÀ 2

 

MONITORAGGIO in itinere

 

VALUTAZIONE in itinere - Criteri per la verifica

-      Messa a disposizione dei materiali entro fine ottobre: controllo su piattaforma Moodle.

-      Elaborazione prima bozza curricoli disciplinari nella riunione dei Dipartimenti del febbraio: verbale

-      Comunicazione materiali sul curricolo verticale elaborati dai Dipartimenti entro il mese di febbraio,

-      Messa a disposizione dei materiali e presentazione prima bozza curricolo nel Collegio dei docenti di marzo: discussione/integrazione/correzioni;

-      Formulazione e comunicazione proposta definitiva entro il mese di aprile;

-      Approvazione proposta definitiva curricolo verticale entro il collegio di maggio o di giugno.

 

-      Pubblicazione materiale su piattaforma Moodle - ottobre 2019

-      Verbali di Dipartimento - febbraio 2020

-      Pubblicazione bozza su piattaforma Moodle entro i tempi stabiliti - marzo 2020

-      Verbali dei CdD

-      Pubblicazione su sito web della scuola entro 30/06/2020

 

MONITORAGGIO FINALE

 

VALUTAZIONE FINALE - Criteri per la verifica

Riunioni di staff di fine a.s., prima del Collegio di giugno:

-        i Collaboratori del D.S., alla presenza del D.S., riassumono gli esiti registrati dai Coordinatori dei singoli Dipartimenti

-        in Staff, vengono individuate le criticità riscontrate;

-        verbale nel Collegio di giugno dove Il D.S. presenta il curricolo per la discussione e l’esame dell’intervento ed in vista della programmazione delle attività del successivo a.s.

 

Pubblicazione entro il 30/06/2020:

a.        del curricolo verticale

b.       dei documenti correlati

 

Modalità di introduzione di eventuali correttivi nel Piano di miglioramento

Raccolta di pareri e suggerimenti:

  1. nei Dipartimenti
  2. nelle riunioni di Staff;
  3. in Collegio Docenti
  4. nei C.d.C.

 

 

 

QUARTA SEZIONE

RISORSE UMANE E FINANZIARIE – PRIORITÀ 1

 

 

 

Tipologia attività 

                                                                                       Ore aggiuntive

Spesa

Fonte finanziaria

Obiettivo di processo 1

 

 

 

Personale interno:

 

 

 

Docenti

Docenti interni

Docenti interni – ore di docenza

Contributo delle famiglie (50/60 euro per 20 ore)

Eventuale integrazione: Programma (Bilancio scuola)

Ata

 

 

 

Personale esterno:

 

 

 

Formatori

 

 

 

Consulenti

 

 

 

Attrezzature

 

 

 

Documentazione e diffusione

 

 

 

Obiettivo di processo 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RISORSE UMANE E FINANZIARIE PRIORITÀ 2

 

 

Tipologia attività 

                                                                       Ore aggiuntive

Spesa

Fonte finanziaria

Obiettivo di processo 1

 

 

 

Personale interno:

 

 

 

Docenti

Coordinatori di Dipartimento

30 ore funzionali complessive per Coordinatore, ivi compreso il coordinamento in vista dell’elaborazione del curricolo verticale

FIS

Ata

 

 

 

Personale esterno:

 

 

 

Formatori

 

 

 

Consulenti

 

 

 

Attrezzature

 

 

 

Documentazione e diffusione

 

 

 

Obiettivo di processo 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna su